Post-covid: 5 nuovi trend e abitudini dei clienti

Post-covid: 5 nuovi trend e abitudini dei clienti

Post-covid: 5 nuovi trend e abitudini dei clienti 1100 629 Remedia

In seguito alla crisi sanitaria, il cliente di oggi non è più quello di sei mesi fa: nuovi abitudini di acquisto si stanno delineando e stabilizzando sulla scia della pandemia.
Alcune di queste abitudini sono innegabili: lo shopping online è cresciuto in modo esponenziale e il ricorso all’e-commerce continuerà a crescere a lungo rispetto al mercato fisico. Essendosi quindi abituati ad acquistare online qualsiasi tipo di prodotto, dal dentifricio ai leggings, gli standard di servizio e comodità dei clienti di oggi sono aumentati di conseguenza.
La spesa online non è però la sola tendenza incentivata dal lockdown. Ecco 5 nuovi trend e abitudini di acquisto post-pandemia.

1. La trasparenza supera la velocità quando si tratta di consegna.

Sebbene la spedizione veloce rimanga in cima alla lista delle preferenze, molti clienti si rivelano sorprendentemente indulgenti con i brand che non possono eguagliare la spedizione veloce del colosso Amazon.
Per i rivenditori che non possono permettersi la consegna in uno o due giorni, consentire ai propri clienti di tracciare il proprio pacco e tenerli informati inviando frequentemente aggiornamenti e-mail e messaggi sul loro ordine risulta altrettanto favorevole alla customer loyalty.

2. In tempi di incertezza, il rapporto qualità-prezzo vince sul prezzo puro.

Ricordi a marzo quando la farina era introvabile?
Ecco il risultato dell’ansia di massa: in tempo di crisi, le persone adottano comportamenti che compensano la mancanza di controllo sul mondo, ad esempio attraverso l’accumulo di generi di prima necessità .
Oggi, questa fase di accumulo sembra finita, eppure i clienti continuano ad adottare comportamenti che mostrano un minor interesse per il fast fashion, in favore della qualità.
Siamo infatti più attenti agli acquisti del ‘non essenziale’, a beneficio dell’economia familiare e di un pianeta meno inquinato.

3. Acquisti locali: la prossimità diventa priorità.

Un vincitore inaspettato della pandemia è il negozio locale.
Continuando a lavorare da casa, molti clienti non vogliono più fare chilometri per cercare i prodotti che preferiscono, e si affidano non solo all’e-commerce, ma anche ai negozi vicini acquistando prodotti locali.

Al di là della comodità, i clienti optano per gli acquisti locali, anche in termini di solidarietà per sostenere la comunità di appartenenza.

4. Costruire una comunità online è più importante che mai.

Confinati a casa tutto il giorno, le persone trascorrono più tempo sui social media.
Per le aziende di moda, questo si traduce nella necessità di essere presenti e attivi su più piattaforme. È da tempo un passo necessario, ora è divenuto vitale.

Da Instagram a Tik Tok, è necessario pubblicare contenuti creativi attingendo dagli archivi (una tendenza che abbiamo evidenziato in questo altro nostro articolo) e usando infrastrutture capaci di rendere automatica la distribuzione di contenuto, qualunque sia il canale di distribuzione. A tal proposito non ci stanchiamo mai di ricordare quanto sono utili sistemi come PIM, DAM e PCM.

5. Prima di visitare un negozio, le persone vogliono sapere cosa c’è in magazzino.

Anche senza effettuare l’acquisto online, i nuovi clienti vogliono entrare in negozio ancora prima di uscire di casa. Loro esperienza di acquisto deve essere più snella e veloce possibile, e questo significa essere sicuri di trovare disponibile l’articolo che desiderano.
Chiamare il negozio e chiedere se hanno qualcosa in magazzino è una seccatura, e una brutta esperienza se la risposta risulta negativa.
A questo rispondono gli inventari online creati da molte boutique e marchi, tendenza che nel negozio di dettaglio specializzato sembra ancora ai primi passi, o forse ancora più indietro.

Insomma, il modo e il luogo in cui le persone fanno acquisti sono cambiati radicalmente.
E per i brand, comprendere questi cambiamenti è fondamentale per la sopravvivenza a lungo termine, in un mercato che punta sempre a inseguire le esigenze dei clienti e a soddisfare i loro cambiamenti.

Back to top
Preferenze Privacy

Quando visiti il sito internet di Remedia, alcune informazioni posso essere salvate sotto forma di cookies sul tuo browser per migliorare la navigazione e il servizio fornito. Di seguito è possibile modificare le proprie preferenze sulla Privacy. Il blocco di alcuni di questi cookies può influire sull'esperienza di navigazione e alcuni servizi possono non funzionare.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Il nostro sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta il loro utilizzo oppure modificare le tue preferenze.